Begin to experiment the pleasure of choosing...   Begin to experiment the pleasure of choosing...   Begin to experiment the pleasure of choosing...   Begin to experiment the pleasure of choosing...

Mi ispirano

La vera arte è senza scopo, senza intenzione! – Eugen Herrigel, Lo Zen e il Tiro con l’Arco

La vera arte è senza scopo, senza intenzione! Quanto più lei si ostinerà a voler imparare a far partire la freccia per colpire sicuramente il bersaglio, tanto meno riuscirà l’una cosa, tanto più si allontanerà l’altra. Le è ostacolo una volontà troppo volitiva. Lei pensa che ciò che non fa non avvenga. […]

Eugen Herrigel



Lentamente muore (Ode alla vita) – Martha Medeiros, A Morte Devagar

Lentamente muore
chi diventa schiavo dell'abitudine,
ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi,
chi non cambia la marcia,
chi non rischia e cambia colore dei vestiti,
chi non parla a chi non conosce.

Muore lentamente
chi fa della televisione il suo guru.
Muore lentamente chi evita una passione,
chi preferisce il nero su bianco
e i puntini sulle "i"
piuttosto che un insieme di emozioni,
proprio quelle che fanno brillare gli occhi,
quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso,
quelle che fanno battere il cuore
davanti all'errore e ai sentimenti.

Lentamente muore
chi non capovolge il tavolo
quando è infelice sul lavoro,
chi non rischia la certezza per l'incertezza
per inseguire un sogno,
chi non si permette almeno una volta nella vita,
di fuggire ai consigli sensati.

Lentamente muore
chi non viaggia,
chi non legge,
chi non ascolta musica,
chi non trova grazia in sé stesso.

Muore lentamente
chi distrugge l'amor proprio,
chi non si lascia aiutare
chi passa i giorni a lamentarsi
della propria sfortuna o della pioggia incessante.

Lentamente muore
chi abbandona un progetto prima di iniziarlo,
chi non fa domande sugli argomenti che non conosce
o non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi,
ricordando sempre che essere vivo
richiede uno sforzo di gran lunga maggiore
del semplice fatto di respirare.

Soltanto l'ardente pazienza
porterà al raggiungimento di una splendida felicità.

Martha Medeiros



Il segreto della felicità – Bruno Ferrero, A volte basta un raggio di sole

Un giovane domandò al più saggio di tutti gli uomini il segreto della felicità. Il saggio suggerì al giovane di fare un giro per il palazzo e di tornare dopo due ore.
«Solo ti chiedo un favore» concluse il saggio, consegnandogli un cucchiaino su cui versò due gocce d'olio. «Mentre cammini, porta questo cucchiaino senza versare l'olio».
Dopo due ore il giovane tornò e il saggio gli chiese: «Hai visto gli arazzi della mia sala da pranzo? Hai visto i magnifici giardini? Hai notato le belle pergamene?».
Il giovane, vergognandosi, confessò di non avere visto niente. La sua unica preoccupazione era stata quella di non versare le gocce d'olio. «Torna indietro e guarda le meraviglie del mio mondo» disse il saggio.
Il giovane prese il cucchiaino e di nuovo si mise a passeggiare, ma questa volta osservò tutte le opere d'arte. Notò i giardini, le montagne, i fiori. Tornò dal saggio e riferì particolareggiatamente tutto quello che aveva visto.
«Ma dove sono le due gocce d'olio che ti ho affidato?» domandò il saggio.
Guardando il cucchiaino, il ragazzo si accorse di averle versate.
«Ebbene, questo è l'unico consiglio che ho da darti» concluse il saggio. «Il segreto della felicità consiste nel guardare tutte le meraviglie del mondo senza mai dimenticare le due gocce d'olio nel cucchiaino».

Bruno Ferrero






"L'uomo semina un pensiero e raccoglie un'azione;
semina un'azione e raccoglie un'abitudine;
semina un'abitudine e raccoglie un carattere;
semina un carattere e raccoglie un destino".

Swami Sivananda






 

mariposa

 


Belén Cobos | Centro Koan c/ Natalio Rivas 7 | 18001 Granada - Tel. 693 014 223 | belen@tecnicaalexander.es

español      english      català      italiano
2ypunto ©